McAfee: attacchi ransomware cresciuti del 165%

giugno 10, 2015

McAfee: attacchi ransomware cresciuti del 165%

Il nuovo report di McAfee Labs indica una nuova ondata di ransomware in crescita del 165% nel primo trimestre 2015

Intel Security ha pubblicato oggi i risultati del proprio Report sulle minacce McAfee Labs: maggio 2015, che include informazioni dettagliate sulla rapida proliferazione di nuovi esemplari di ransomware, attacchi firmware indirizzati alle unità HDD e SSD da parte del gruppo di spionaggio informatico denominato Equation Group, e un’importante crescita di malware indirizzato al software multimediale Flash di Adobe.

Nel primo trimestre del 2015, McAfee Lab ha registrato un aumento del 165% di diffusione di un nuovo ceppo di ransomware, in particolate della nuova famiglia CTB-Locker, una nuova famiglia di ransomware difficile da rilevare denominata Teslacrypt, parallelamente all’affacciarsi di nuove versioni di CryptoWall, TorrentLocker e BandarChor. McAfee Lab attribuisce il successo di CTB-Locker all’utilizzo di tecniche intelligenti di elusione dai software di sicurezza, email di phishing di qualità superiore, e un programma di “affiliazione”, che offre ai complici una percentuale del pagamento del riscatto in cambio della diffusione nel cyberspazio dei messaggi di phishing CTB-Locker.

McAfee Lab suggerisce ad aziende e utenti finali, come prima cosa, di imparare a riconoscere le email di phishing, anche mettendosi alla prova con degli strumenti come il Phishing Quiz di Intel Security: Phishing Quiz Link.

I nuovi malware

Il primo trimestre ha visto anche un incremento del 317% di nuovi campioni di malware indirizzato ad Adobe Flash e i ricercatori ne attribuiscono l’origine a diversi fattori: la popolarità della tecnologia Flash di Adobe, il ritardo degli utenti nell’applicare le patch disponibili per questo programma, nuovi metodi per sfruttare le vulnerabilità dei…

Leggi articolo completo…

Fonte: DMO Data manager Online www.datamanager.it

Comments

?>